Articles

Gli scienziati individuano segni di virus dietro la malattia che paralizza i bambini

Posted by admin

LUNEDÌ, ottobre. 21, 2019 (HealthDay News)-Un nuovo test anticorpale sembra aver affinato sulla causa più probabile di una misteriosa malattia simile alla polio che spazza regolarmente attraverso gli Stati Uniti.

Il nuovo test ha rilevato anticorpi per due tipi di enterovirus nel liquido spinale di dozzine di pazienti con diagnosi di mielite flaccida acuta (AFM), una malattia che causa paralisi potenzialmente permanente e talvolta pericolosa per la vita nei bambini piccoli.

I due virus, EV-D68 e EV-A71, in precedenza erano stati trovati in casi di AFM, ma questo studio fornisce la prova più chiara fino ad oggi che la malattia è causata da un enterovirus, hanno detto i ricercatori.

“Certamente pone le basi per ulteriori test in modo da poter essere sicuri che la maggior parte, se non tutti, dei casi di AFM sono causati da enterovirus”, ha detto il ricercatore principale Dr. Ryan Schubert, un collega clinico con l’Università della California, dipartimento di neurologia di San Francisco (UCSF).

Questa spiegazione avrebbe senso, poiché la polio stessa appartiene alla famiglia degli enterovirus.

L’AFM di solito causa debolezza alle braccia e alle gambe, ma in rari casi può causare insufficienza respiratoria pericolosa per la vita, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

AFM ha la tendenza a colpire negli Stati Uniti ogni due anni, con 236 casi segnalati in 41 stati in 2018, ha detto il CDC.

La prima ondata di AFM ha colpito nel 2014, quando 120 bambini in 34 stati sono stati colpiti da misteriosa debolezza muscolare. Un’altra ondata ha colpito nel 2016, con 149 pazienti colpiti in 39 stati.

Fino ad ora, i ricercatori che esaminano le cause dell’AFM hanno cercato la presenza di enterovirus cercando prove genetiche dirette dei virus nel liquido spinale delle persone, ha detto Schubert.

I focolai di enterovirus sono comuni e di solito non causano nulla di più grave dei comuni sintomi simili al raffreddore, ma gli esperti si sono resi conto che questi focolai tendevano a coincidere con i picchi di AFM, hanno spiegato gli autori dello studio nelle note di sottofondo.

Sfortunatamente, i test alla ricerca dell’RNA degli enterovirus nei pazienti con AFM tendevano ad essere meno che adeguati, ha detto Schubert.

Il virus non è stato trovato nel 98% dei pazienti AFM che hanno testato il loro liquido spinale, e anche quando trovato i virus sono “rilevati a livelli molto bassi”, ha detto Schubert.

“La quantità di virus è molto, molto bassa”, ha continuato Schubert. “Non sappiamo con certezza perché questo sia, ma è stato anche il caso del virus della poliomielite che è stato difficile rilevare quel virus nel liquido spinale.”

Che ha portato alcuni scettici a chiedersi se l’AFM sia in realtà una malattia autoimmune o sia causata da qualche altro virus non ancora scoperto, hanno detto i ricercatori.

“Le persone erano appese al fatto che gli enterovirus erano raramente rilevati nel liquido cerebrospinale dei pazienti con AFM”, ha detto in una dichiarazione il ricercatore senior Dr. Michael Wilson, professore associato di neurologia e membro dell’UCSF Weill Institute for Neurosciences. “Volevano sapere come qualcuno potrebbe ottenere sintomi neurologici senza virus rilevabili nel loro sistema nervoso centrale.”

Wilson, Schubert ei loro colleghi sospettavano che potrebbero essere meglio in grado di rilevare la presenza di enterovirus se invece cercassero anticorpi creati dal sistema immunitario per combattere i virus.

I ricercatori si sono rivolti a uno strumento di caccia ai virus sviluppato da Harvard chiamato VirSCAN, che ha permesso ai ricercatori di cercare segni di risposta immunitaria nel liquido spinale dei pazienti con AFM.

Il team ha trovato anticorpi enterovirus nel liquido spinale di quasi il 70% dei 42 pazienti con AFM testati.

I ricercatori hanno anche testato 58 pazienti a cui erano stati diagnosticati altri disturbi neurologici e meno del 7% è risultato positivo agli stessi anticorpi.Amesh Adalja, uno studioso senior presso il Johns Hopkins Center for Health Security, ” Questo nuovo studio aggiunge informazioni critiche sulla presenza di enterovirus nei casi di AFM. Comprendere il ruolo degli enterovirus aiuterà a spingere ulteriori ricerche per determinare i fattori di rischio specifici che trasformano un’infezione delle vie respiratorie superiori relativamente innocua in una malattia paralitica che altera la vita e stimolare lo sviluppo del vaccino.”

Schubert ha concordato, suggerendo che la futura ricerca AFM dovrebbe correre lungo due binari paralleli.

Su una pista, i ricercatori dovrebbero utilizzare il nuovo test anticorpale per inchiodare completamente il legame tra enterovirus e AFM, Schubert ha detto.

Sull’altra pista, gli scienziati dovrebbero continuare a lavorare sui vaccini che impediranno l’infezione da EV-D68 e EV-A71, così come le terapie che potrebbero neutralizzare i virus prima che causino AFM.

“Questo suggerisce davvero che siano sulla strada giusta e dovrebbero andare avanti”, ha detto Schubert dei team di ricerca già focalizzati su enterovirus e AFM.

Il nuovo studio è stato pubblicato ottobre. 21 sulla rivista Nature Medicine.

Related Post

Leave A Comment