Articles

Demostene

Posted by admin

L’inglese usato in questo articolo o sezione potrebbe non essere facile da capire per tutti. Puoi aiutare Wikipedia leggendo Wikipedia: Come scrivere semplici pagine in inglese, quindi semplificare l’articolo. (Novembre 2011)

Demostene (384-322 AC, greco: Δημοσθένης, Dēmosthénēs) è stato un noto statista greco e oratore dell’antica Atene. I suoi discorsi mostrano l’altezza della classica abilità ateniese nel parlare. Ci mostrano anche un sacco sulla politica e la cultura della Grecia antica durante il 4 ° secolo AC. Demostene imparò la retorica studiando i discorsi dei precedenti grandi oratori. Ha pronunciato i suoi primi discorsi in tribunale quando aveva vent’anni. Egli ha sostenuto in modo efficace per ottenere dai suoi guardiani ciò che rimaneva della sua eredità. Per un certo periodo, Demostene si guadagnò da vivere come scrittore di discorsi e avvocato, scrivendo discorsi per l’uso in cause legali private.

Demostene

Demostene orator Louvre.jpg

Busto di Demostene (Louvre, Parigi, Francia)

Nato

384 AC

Morto

322 AC

Isola di Calauria, moderno Poros

All’età di 21 anni, di Demostene ha preso il lavoro di comandante di navi da guerra di Atene.

Demostene si interessò alla politica durante il periodo in cui scrisse discorsi per altri. Nel 354 AC tenne i suoi primi discorsi politici pubblici. Ha continuato a dedicare i suoi anni più produttivi per opporsi espansione della Macedonia. Idealizzò la sua città e cercò per tutta la vita di ripristinare la supremazia di Atene e motivare il resto degli ateniesi contro Filippo II di Macedonia. Cercò di preservare la libertà della sua città e di stabilire un’alleanza contro la Macedonia, nel tentativo infruttuoso di ostacolare i piani di Filippo di espandere la sua influenza verso sud conquistando tutti gli stati greci. Dopo la morte di Filippo, Demostene giocò un ruolo di primo piano nella rivolta della sua città contro il nuovo re di Macedonia, Alessandro Magno. Tuttavia, i suoi sforzi fallirono e la rivolta fu accolta con una dura reazione macedone. Per prevenire una rivolta simile contro il suo stesso dominio, il successore di Alessandro, Antipatro, mandò i suoi uomini a rintracciare Demostene. Demostene si tolse la vita, per evitare di essere arrestato da Archias, confidente di Antipatro.

Il Canone alessandrino compilato da Aristofane di Bisanzio e Aristarco di Samotracia riconobbe Demostene come uno dei dieci più grandi oratori e scrittori attici. Secondo Longino, Demostene “perfezionò al massimo il tono del discorso alto, le passioni viventi, la copiosità, la prontezza, la velocità”. Cicerone lo acclamava come “l’oratore perfetto” a cui non mancava nulla, e Quintiliano lo esaltava come “lex orandi” (“lo standard dell’oratorio”) e che”inter omnes unus excellat”(“sta solo tra tutti gli oratori”).

Related Post

Leave A Comment